Misure estensimetriche

Misure e monitoraggi in situ

Gli estensimetri elettrici a resistenza (ER) si basano sul principio fisico che ad allungamento di un conduttore filiforme la sua resistenza interna varia in modo riproducibile. Gli estensimetri elettrici sono costituiti da una griglia in materiale resistivo, che costituisce la parte sensibile dello strumento, da un supporto, che funge da interfaccia e da isolante elettrico nei confronti del materiale su cui effettuare le misure, e dai terminali elettrici, che ne collegano la griglia resistiva agli altri elementi che costituiscono il circuito di misura.

La deformazione del materiale sul quale applicato un ER produce una deformazione della griglia che, essendo un conduttore elettrico, cambia di resistenza: la variazione di tale caratteristica costituisce il segnale di misura.

Si effettuano applicazioni in situ su vari materiali, anche compositi (p.e. vetroresina). Le prove e l'acquisizione dati avviene attraverso opportuni amplificatori di costruzione National Instruments&trade.

Supporto

Per quanto riguarda l'interpretazione dei risultati delle misure, per identificare la corrispondenza del comportamento teorico e quello sperimentale, i nostri ingegneri possono offrire eventualmente un valido supporto di consulenza. La società offre consulenza in fase di modellazione della struttura e di calibrazione-aggiornamento dei parametri meccanici e geometrici sulla base delle indicazioni sperimentali.